È un posto dimenticato da Dio New Canaan: fabbriche arrugginite, desolate lande di catene commerciali, non luoghi dove svettano come cattedrali nel deserto immensi giganteschi Walmart. Sembra sgorgato fuori da una canzone di Bruce Springsteeen l’Ohio di Stephen Markley, inondato da alcol, meth, oppiacei e violenza.

Image for post
Image for post

Tutti vogliono scappare da New Canaan, persino le strade di Bagdad sono preferibili a questa diroccata periferia d’America, cuore di tenebra di un ammasso informe di strade, case e vite vuote.

È in questa waste land che si muovono le vite e i destini di quattro ragazzi, troppo velocemente, drammaticamente e tragicamente diventati uomini. Un’adolescenza prepotentemente smarrita, forse strappata. …


Image for post
Image for post

Italo Calvino la chiamava la “Gran Bonaccia delle Antille”. Una metafora marinara per descrivere in un celebre racconto l’immobilismo dell’allora PCI. Negli ultimi anni questa bonaccia sembra pervadere la nostra società. Non perché siano stati anni calmi e tranquilli, bensì per essere tutti come immobili, (auto)costretti in una sorta di loop di idee che non cambiano mai, esaltazione dell’incompetenza, fake news, bolle social e ancor peggio culturali.

Ecco allora che l’ultimo Festival della Comunicazione a Camogli, bellissimo borgo marinaro della Riviera ligure, è stato come un vento fresco che ha rigonfiato le vele di una nave da troppo nelle secche. …


Un anno e mezzo fa mi sono ritrovato a guidare un treno decisamente particolare: quello di Binario 9 ¾ Destinazione Comunicazione. Come il fatato convoglio di Hogwarts conduce tutti noi, ogni mercoledì, verso luoghi magici e inaspettati. A me che sono cresciuto guardando Star Trek piace figurarmelo anche come l’astronave Enterprise, in permanente esplorazione verso nuovi e strani mondi, mettendo in relazione cose apparentemente lontane: comunicazione, giornalismo, innovazione, letteratura, storia, tecnologia.

PER VIAGGIARE CON BINARIO, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Image for post
Image for post

Binario è nato in un podere agricolo, sullo sfondo della bella campagna emiliana, fortemente voluto da una “pazza visionaria” come ama definirsi Marisandra Lizzi, Founder dell’agenzia Mirandola Comunicazione e della piattaforma di lettura e comunicazione iPressLIVE. “Le idee migliori — scriveva Erasmo da Rotterdam — non vengono dalla ragione, ma da una lucida, visionaria follia.” …


Image for post
Image for post

“Difendere la statua di Montanelli in questo momento vuol dire difendere il razzismo, la cultura dello stupro, un fascismo mai veramente abiurato. Qualunque scappatoia è impossibile: il frame linguistico di un dibattito non lo decidiamo noi”.

Queste parole scritte da Christian Raimo mi hanno profondamente turbato. Avevo difeso la statua di Montanelli adottando gli argomenti così fortemente contestati nel post citato. Dopo averlo letto, mi sono trovato in una sorta di conflitto di principi.

E mi sono sentito punto sul vivo, come se mi avessero dato dell’antisemita. Messa in questi termini la questione non mi lascia spazio al dubbio. La statua di Montanelli va abbattuta. Non mi è possibile difendere qualcosa che va contro i miei valori profondi. Non posso certo giustificare la cultura dello stupro e meno che mai il razzismo, il dominio assoluto di un uomo su un altro. …


Image for post
Image for post

Ogni tanto non rimane che la resa. Soprattutto quando non sembra esserci alcuna Grecia da salvare, combattendo fino all’ultimo uomo alle Termopili. Forse si comincia a vacillare a causa della quarantena, e siamo tutti nelle condizioni simili agli astronauti tornati dopo una lunga missione spaziale o marinai che sono stati per troppo tempo stipati in un sottomarino.

La mia è una modesta resa intellettuale e umana. Perché a essere sinceri esco più suonato di un pugile da questo assordante overload informativo. E non funziona neppure il “non fa male” di Rocky. …


Un paio di giorni fa mi è capitato di rivedere il film “Black Hawk Down”. Lo so, è forse paradossale e strano guardare un film di guerra o un disaster movie di questi tempi, eppure c’è stata una scena che mi ha fatto pensare. I ranger americani sono in trappola: con troppi feriti, sembra che non possano far più nulla, né scappare né continuare a combattere. Sono rinchiusi in una dirupata palazzina, trasformata in improvvisato fortino. Insomma appaiono spacciati; ma poi la scena si sposta su un soldato. Si chiama Grimes, non ha mai combattuto prima. L’abilità che lo ha reso famoso è solo quella di preparare dell’ottimo caffè. Lui stesso ne fa un vanto con superiori e commilitoni. E allora lo troviamo proprio a preparare una tazza di caffè. …


Pubblicato su La Repubblica Parma

Gli strumenti non possono ancora suonare. Eppure sembra di poter udire una melodia. Quella degli attrezzi mossi dalle mani giovani ma già abili degli allievi della scuola di liuteria della Bottega di Parma.

La strada, via Trieste, nel quartiere San Leonardo, una volta entrati nella magnifica corte su cui affaccia il laboratorio, è lontana. E con lei il flusso vorticante della modernità.

Colpisce la concentrazione. Gli occhi attenti. Le mani che si muovono con precisione e lentezza. Gesti calibrati, misurati. Maxime sta lavorando a un violino. Ha solo 18 anni. È arrivato da Parigi nella petite Paris proprio per costruire gli strumenti. “La storia della liuteria è in Italia” dice. Di fronte a lui, Julie, 31 anni, lavora con eguale dedizione. Proviene dalla campagna del sud della Francia. “Sono qui per realizzare un mio vecchio sogno. …


Pubblicato su La Repubblica Parma il 09/02/2010

Non si sa mai che cosa nascondano i cassetti di un vecchio mobile. Può anche capitare, come a Ernesto Campannini, 70enne parmigiano, di trovarvi una vecchia bandiera americana, che sa del tempo di George Washington e di quelle 13 colonie dalle quali sono nati i moderni e potenti Stati Uniti. Un vessillo che racconta l’infanzia di una nazione.

Image for post
Image for post

Il loro incontro è stato casuale, come spesso capita, quando si compie una scoperta importante. Siamo a Parma nel 1981: “C’era un camion dal quale venivano scaricati vecchi mobili e vidi un comò di modesto valore. Ma nel primo cassetto notai una bandiera, arrotolata attorno a un manico di scopa”. La bandiera è fatta mano e al centro campeggia un’aquila, simbolo degli Stati Uniti, che stringe tra gli artigli uno scudo con 13 stelle. Campanini intuisce subito il valore del fortuito ritrovamento. …


Strana creatura il letterato, la cui esistenza è tutta consacrata al sapere e ai libri. “Studiate come se la conoscenza fosse irraggiungibile, come se temeste di perderla” affermava Confucio. E così opera il lettarato, con un rigore degno di un maestro Jedi, “disciplinato come un cadavere”, per dirla alla maniera dei Gesuiti.

Image for post
Image for post

Una fatica sovrumana che il letterato, incurante dei bisogni materiali, affronta, pur sapendo che non potrà mai possedere tutta la conoscenza, un oceano sterminato, dinanzi al quale può cader preda dell’umore nero, sentendosi come la Melencolia di Dürer.

Alata, ma accovacciata al suolo, incoronata ma offuscata da ombre, munita degli arnesi dell’arte e della scienza, ma chiusa in un’oziosa meditazione, dà l’impressione di un essere creativo ridotto alla disperazione dalla consapevolezza di barriere insormontabili che la separano da un più alto dominio del pensiero”. …


#OntheBooks: un diario di letture — Il cucchiaino scomparso

Image for post
Image for post

Non posso dire di aver mai amato (e capito) molto la chimica. La mia professoressa al Liceo era una sorta di mix tra Margaret Tatcher e la signorina Rottenmeier. I miei unici ricordi riguardano “lavagnate” di formule, scritte e riscritte fino a consumare il gesso. Prendere un 5 era l’equivalente del gol di Tardelli al Mundial ‘82.

About

Raffaele Castagno

Giornalista, archeologo, blogger. Si occupa di mondo antico, cultura, libri, articoli di cronaca divulgazione scientifica, comunicazione social.

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store